Alimentazione consapevole: lo zucchero riduce la salute mentale

La ricerca dimostra che l’alto consumo di zucchero nell’alimentazione è collegato a una salute mentale a lungo termine più povera.

Secondo una ricerca UCL (University College London) gli uomini che consumano livelli più elevati di zuccheri hanno una maggiore probabilità di disturbi mentali comuni (come l’ansia e la depressione) dopo 5 anni rispetto a quelli con basse assunzioni. Lo studio ha anche evidenziato che avere un disturbo d’umore non rende la gente più incline a mangiare alimenti con un elevato contenuto di zucchero. La relazione, pubblicata a luglio 2017 in Scientific Reports, ha analizzato l’assunzione di zuccheri da alimenti dolci e bevande e la presenza di comuni disturbi mentali in oltre 5000 uomini e oltre 2000 donne per un periodo di 22 anni tra il 1983 e il 2013.
Sebbene gli studi precedenti abbiano trovato un aumento del rischio di depressione con un consumo più elevato di zuccheri aggiunti, nessuno ha esaminato il ruolo della “causalità inversa”. Se le persone con ansia e/o depressione tendevano a consumare cibi e bevande più zuccherati, questo potrebbe essere il vero motivo per cui si osserva un legame tra l’assunzione di zuccheri e la salute mentale più povera. Anche se lo studio ha cercato questo collegamento, non è emerso dai dati: uomini e donne con disturbi mentali non consumavano più zucchero. Di conseguenza, si rafforza l’evidenza che la salute mentale è influenzata negativamente da un’assunzione di zuccheri elevata.

Lo studio ha classificato l’assunzione giornaliera di zuccheri (in grammi) da alimenti e bevande dolci in tre gruppi di dimensioni simili. Gli uomini nel terzo superiore, che consumavano più di 67g, avevano una probabilità maggiore del 23% di avere disturbi mentali comuni dopo cinque anni (indipendenti dai comportamenti sanitari, dai fattori socio-demografici e dalle diete, dall’adiposità e da altre malattie) rispetto a quelli nel terzo inferiore, che consumavano meno di 39,5 g.
Anche gli uomini e le donne con disturbi dell’umore e un elevato consumo di zucchero hanno avuto maggiori probabilità di essere depressi dopo 5 anni rispetto a quelli con minor consumo, ma questo risultato non era indipendente da altri fattori socio-demografici, sanitari e dietetici.
Anica Knüppel (UCL Institute of Epidemiology and Public Health), autore principale dell’articolo ha dichiarato: “Le diete a elevato consumo di zuccheri hanno tutta una serie di conseguenze sulla nostra salute, ma il nostro studio dimostra che potrebbe anche esserci un legame tra consumo dello zucchero e disturbi dell’umore, in particolare tra gli uomini.”
Lo studio non ha trovato alcun legame tra l’assunzione di zuccheri e nuovi disturbi dell’umore nelle donne e non è chiaro perché. Ulteriori ricerche sono necessarie per testare l’effetto di depressione dello zucchero nei campioni di popolazione di grandi dimensioni.
In Gran Bretagna, gli adulti consumano circa il doppio e nel triplo degli Stati Uniti il livello raccomandato di zucchero aggiunto, con alimenti dolci e bevande che contribuiscono a tre quarti delle prese. Nel frattempo, entro 2030, la depressione maggiore è destinata a diventare la principale causa di disabilità nei paesi ad alto reddito.
Il professor Eric Brunner (UCL Institute of Epidemiology and Public Health), autore maggiore dell’articolo, ha concluso: “I nostri risultati forniscono ulteriori prove che i cibi e le bevande zuccherine vanno evitati. La nuova tassa sullo zucchero nelle bevande analcoliche, che avrà effetto nell’aprile del 2018, è un passo nella giusta direzione. La salute fisica e mentale del popolo britannico merita una certa protezione dalle forze commerciali che sfruttano il “dente dolce” umano

Fonte: UCL – University College London.

Vuoi utilizzare una bussola efficace e semplice da usare per capire come mangiare, senza una soluzione standard, ma piuttosto con un metodo da adattare alle tue esigenze? Approfondisci la sezione dedicata all’alimentazione consapevole.

 

Condividimi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo sito utilizza cookie (anche di terze parti) per garantirti la migliore fruibilità dei contenuti. Per sapere quali Cookie utilizziamo e su come puoi modificare le tue preferenze visita la nostra Privacy Policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come ” %SERVICE_NAME% ” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disattivati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.