I benefici del Reiki per le persone con la pressione alta

La pressione alta o ipertensione colpisce milioni di persone in tutto il mondo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità riferisce che quasi una persona su quattro in tutto il mondo ne soffre. Sono molti i trattamenti usati per trattare questa condizione, compresi i farmaci, i cambiamenti nello stile alimentare e l’esercizio fisico. Alcuni pazienti hanno però scoperto che possono migliorare i loro sintomi aggiungendo trattamenti di Reiki al loro regime terapeutico.

L’ipertensione si verifica quando la pressione esercitata dal flusso sanguigno è troppo forte causando danni alle pareti dei vasi. Alcuni dei sintomi della pressione alta comprendono mal di testa, sangue dal naso e mancanza di respiro, ma spesso le persone non hanno sintomi fino a quando la loro pressione sanguigna non raggiunge un livello pericoloso. Quando la pressione sanguigna diventa estremamente alta oppure rimane non trattata per un lungo tempo, possono verificarsi delle complicanze (problemi di memoria, insufficienza cardiaca, infarto, ictus e aneurisma, problemi agli occhi e/o ai reni).
Per quanto riguarda le terapie la pressione sanguigna viene solitamente trattata con farmaci, compresi diuretici e beta-bloccanti. Le persone con questo problema vengono incoraggiate a tenere sotto controllo il consumo di sodio, mantenere un peso sano e fare esercizio fisico regolare. Inoltre, la maggior parte dei medici suggerisce ai pazienti con pressione alta di evitare lo stress il più possibile.

In che modo il Reiki aiuta le persone con la pressione alta?

  • Induce sensazioni di rilassamento. Essere stressati, ansiosi o nervosi può aumentare la pressione sanguigna. Utilizzare trattamenti Reiki favorisce il rilassamento e quindi abbassa, indirettamente, la pressione sanguigna.
  • Facilita il sonno. Le cattive abitudini durante il riposo notturno sonno sono state collegate all’ipertensione ed il Reiki può migliorare la qualità del sonno.
  • Riduce il dolore. Il dolore fa sentire le persone stressate, il che aumenta la pressione sanguigna. I trattamenti Reiki possono ridurre la percezione del dolore.
  • Migliora l’umore. Il Reiki modifica l’umore e attenua i sintomi della depressione. Quando le persone con la pressione alta si sentono meglio sono più propense a fare cambiamenti nello stile di vita e a seguire le raccomandazioni dei medici.

I potenziali benefici del Reiki per le persone con ipertensione arteriosa sono stati supportati anche dalla RICERCA SCIENTIFICA

Effetto del Reiki sull’ipertensione sanguigna
Nel 2014 è stata completata in Brasile la ricerca The effect of Reiki on blood hypertension che ha evidenziato la capacità del Reiki di abbassare la pressione sanguigna. In questo studio, i partecipanti sono stati divisi in tre gruppi: un gruppo che ha ricevuto un trattamento Reiki, un gruppo che ha ricevuto un placebo e un gruppo che ha agito come controllo. Il calo della pressione è stato maggiore tra le persone del gruppo che hanno ricevuto trattamenti Reiki.

Modifiche al sistema nervoso autonomo durante i trattamenti Reiki
Lo studio del 2001 Autonomic nervous system changes during Reiki treatment: a preliminary study condotto dai ricercatori del South Glasgow University Hospital ha studiato l’effetto dei trattamenti Reiki sul sistema nervoso autonomo di un gruppo di partecipanti sani. Lo studio ha scoperto che i trattamenti Reiki riducono significativamente sia la frequenza cardiaca sia la pressione diastolica.

Modifiche biochimiche e fisiologiche relative al Reiki
Un altro studio del 2001 Biological correlates of Reiki Touch(sm) healing condotto dai ricercatori dell’Università Houston del Texas Health Science Center ha rilevato che un trattamento Reiki di 30 minuti produce una minore percezione dell’ansia e una riduzione della pressione sanguigna sistolica.

Soffri di pressione alta? 
Trova un supporto per gestire questo problema (ma anche moltissimi altri, leggi tutti gli studi sul Reiki) sperimentando un Trattamento Reiki oppure frequentando un Corso Reiki di Primo Livello.

Condividimi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo sito utilizza cookie (anche di terze parti) per garantirti la migliore fruibilità dei contenuti. Per sapere quali Cookie utilizziamo e su come puoi modificare le tue preferenze visita la nostra Privacy Policy