Curare… la relazione: il ruolo e gli strumenti di chi si prende cura degli altri

Quello che abbiamo chiamato “Odissea della cura” è un viaggio dentro la relazione di cura e tutto quello che le sta intorno (strumenti, obiettivi, aspettative, ruoli). Un viaggio sulle orme di Ulisse, per conoscere il mondo della relazione di cura e imparare ad abitarlo con i panni del professionista che offre il suo sapere a chi ha bisogno di aiuto. Un viaggio che è una metafora, per facilitare confronti e apprendimenti; per crescere come persone e come professionisti, divertendosi.

“Mi è piaciuto molto l’uso della metafora del viaggio di Ulisse in tutte le sue tappe e il confronto con altri reikisti su comuni difficoltà incontrate nella relazione di cura. Mi ha molto confortata e resa consapevole che tali difficoltà sono “normali” e che vanno osservate, accettate e che soprattutto è possibile gestirle in modo sereno e costruttivo. Ho fatto chiarezza su molti dubbi che avevo nella gestione pratica della relazione, ad esempio riguardo al compenso da chiedere dopo un trattamento. Ho compreso che il professionista della cura ha responsabilità precise nel relazionarsi e non lo può fare in modo superficiale, generico o approssimativo bensì dopo un’attenta valutazione e con modalità che non debbono mai essere date per scontate. È utile acquisire questo tipo di strumenti da chi già li conosce confrontandosi con un coach esperto o con chi ha già esperienza nella cura. Grazie per l’opportunità – Santa”

Il corso nasce per imparare a prendersi cura degli altri – cosa che è spesso più difficile e al tempo stesso forse persino più importante del curare – per porsi nella relazione di aiuto in un modo corretto ed efficace. Perchè prendersi cura dell’altro attraverso la gestione della relazione rappresenta una “cornice” molto importante e complessa e l’Amore, da solo, può non bastare e cercare a tutti i costi di aiutare qualcuno può non aiutare affatto.
Più che un corso, è un percorso, un viaggio da fare insieme al formatore, capace di trasmettere la sua lunga esperienza in questo settore.

Formatore: Filippo Laurenti.

Durata: due giornate consecutive (sabato e domenica).

Obiettivi specifici:

  • aprire uno spazio di dialogo per confrontarsi sul senso della relazione di cura
  • stimolare lo sviluppo di una profonda consapevolezza rispetto al ruolo e alle responsabilità dei professionisti della cura
  • condividere strumenti operativi concreti, per stare nelle relazioni di cura in modo efficace e sereno

A chi si rivolge
“Curare la relazione” è un corso pensato per:

  • coloro che desiderano comprendere e fare esperienza di cosa significhi “prendersi cura”;
  • reikisti di qualsiasi livello che intendono imparare a gestire con maggiore consapevolezza le dinamiche relazionali che si generano quando offrono trattamenti Reiki a parenti, amici, in associazioni di volontariato;
  • reikisti di secondo livello o superiore che vogliono riflettere sulle dinamiche relazionali tra operatore e cliente nei rapporti professionali;
  • reikisti di secondo livello o superiore interessati ad intraprendere il Percorso per Operatori della scuola ilReiki;
  • tutti i professionisti della cura (infermieri, oss, fisioterapisti, operatori shatsu, medici…) interessati ad approfondire le proprie competenze relazionali nelle dinamiche operatore-paziente.

Guarda la VIDEOPRESENTAZIONE di Filippo Laurenti sull’importanza della relazione di cura nel Reiki (ma non solo!):

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come ” Google Youtube ” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disattivati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Costo:
Il costo è diviso in due parti.
La prima la decide la scuola: serve per coprire le spese vive del corso (affitto sala e spese di viaggio dell’insegnante) e varia quindi a seconda del luogo. Questa parte viene divisa equamente tra i partecipanti. Indicativamente può oscillare tra i 30 e i 50 euro.
La seconda la decide chi partecipa, al termine del programma, in base alla propria disponibilità economica e a quanto sente di essere stato arricchito dall’esperienza. Questa formula ha lo scopo di:
– coltivare la generosità (caratteristica essenziale per gli operatori di cura);
– rendere il corso accessibile a tutti;
– lavorare prima e durante la formazione sul tema del denaro, un elemento che influenza fortemente le relazioni di cura, ma sul quale spesso è difficile riflettere con lucidità.

DATE e SEDI del corsoclicca qui.

ISCRIZIONI: Per iscriverti vai alla pagina iscrizioni

Condividimi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo sito utilizza cookie (anche di terze parti) per garantirti la migliore fruibilità dei contenuti. Per sapere quali Cookie utilizziamo e su come puoi modificare le tue preferenze visita la nostra Privacy Policy