Il Reiki fa bene al cuore!

L’Organizzazione Mondiale della Sanità considera le malattie cardiovascolari come la prima causa di morte nel mondo. Proprio per la pericolosità di queste malattie, è importante per chi è a rischio o per le persone a cui sono già state diagnosticate problematiche di cuore, fare tutto il possibile per migliorare la salute del proprio sistema cardiovascolare.
La tecnica Reiki ha dimostrato di essere uno strumento prezioso soprattutto in relazione ad una serie di fattori ed uno studio della Yale University ha verificato l’effetto di trattamenti Reiki dopo un attacco di cuore.

  • il Reiki migliora l’umore diminuendo lo stress, la depressione ed altri stati mentali negativi che in genere aumentano il rischio di infarto;
  • il Reiki diminuisce l’ansia che provoca un aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca;
  • il Reiki migliora la qualità del sonno (le persone con cattive abitudini di riposo notturno rischiano più di altre di sviluppare malattie cardiovascolari);
  • il Reiki riduce le sensazioni di dolore (coloro che hanno già sperimentato un ictus o un attacco cardiaco possono avvertire dolore a causa della loro condizione).

Lo Studio della Yale UniversityEffects of Reiki on Autonomic Activity Early After Acute Coronary Syndrome“, pubblicato su Journal of the American College of Cardiology nel 2010, ha cercato di determinare se i trattamenti Reiki erano utili per 49 pazienti che avevano subito un attacco di cuore tre giorni prima. Lo studio ha diviso i pazienti in tre gruppi: un gruppo che si limitava a riposare tranquillamente, un secondo gruppo che ascoltava musica rilassante/meditativa e un terzo gruppo sottoposto a trattamenti Reiki da infermieri addestrati.
Il gruppo che ha ricevuto un trattamento Reiki ha evidenziato il maggiore miglioramento significativo nella variabilità della frequenza cardiaca.
I membri del gruppo Reiki hanno sperimentato anche un miglioramento significativo dello stato mentale positivo (felice, rilassato, calmo) ed una riduzione dello stato mentale negativo (stressato, arrabbiato, triste, frustrato, preoccupato, spaventato, ansioso).
Lo studio ha evidenziato che il trattamento Reiki è sicuro e fattibile anche in fase acuta di cura.
Il Reiki inoltre può essere incorporato nelle cure ospedaliere standard per fornire benefici terapeutici senza costi o interruzioni della giornata lavorativa degli infermieri.
Questi risultati indicano che il Reiki può essere di aiuto nel processo di guarigione e migliorare la prognosi del paziente a seguito di un attacco di cuore.

Soffri di problemi cardiaci? Sei un caregiver o un operatore sanitario che assiste pazienti con questi problemi? Frequenta un Corso Reiki di primo livello ed utilizza questa preziosa tecnica per migliorare il tuo benessere o la salute delle persone di cui ti prendi cura.

Condividimi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo sito utilizza cookie (anche di terze parti) per garantirti la migliore fruibilità dei contenuti. Per sapere quali Cookie utilizziamo e su come puoi modificare le tue preferenze visita la nostra Privacy Policy