L’effetto del Reiki negli uomini con il cancro alla prostata: uno studio

Nel 2010 la rivista Cancer dell’American Cancer Society ha pubblicato lo studio “Effects of complementary therapies on clinical outcomes in patients being treated with radiation therapy for prostate cancer“. La ricerca ha esaminato gli effetti clinici di 2 terapie complementari (RRT terapia di rilassamento con ristrutturazione cognitiva e Reiki) negli uomini trattati con radioterapia esterna per il cancro alla prostata. 

Il cancro alla prostata è il tumore più comune negli uomini ed è associato ad alti livelli di ansia e depressione rispetto ai rischi per la vita e alle complicanze del trattamento come la disfunzione sessuale e le problematiche del tratto urinario. Le evidenze degli studi supportano ormai l’interconnessione di mente/corpo e suggeriscono importanti benefici derivati dalle tecniche complementari come il Reiki nella riduzione degli effetti nocivi dello stress. 

La metodologia dello studio

Hanno partecipato allo studio 54 uomini di 30 anni o più aventi le seguenti caratteristiche: diagnosi di tumore della prostata non metastatico, non aver ricevuto chemioterapia, scelta di ricevere la radioterapia esterna. I pazienti sono stati esclusi se seguivano una psicoterapia, ricevevano farmaci antidepressivi oppure avevano avuto precedenti esperienze con il Reiki o RRT.

I partecipanti allo studio, prima di ricevere la radioterapia, sono stati assegnati a caso alla RRT settimanale, al Reiki due volte alla settimana o al controllo, misurando i livelli d’ansia, la depressione e la qualità della vita in 3 diversi momenti temporali.
La radioterapia esterna è stata poi somministrata 5 giorni alla settimana per 8 o 9 settimane con sessioni di 15 minuti in media. Le sessioni Reiki o RRT sono state pianificate nello stesso giorno precedendo la terapia.
Le sessioni di Reiki sono state realizzate in una stanza tranquilla e privata due volte a settimana per 8 settimane consecutive per un massimo di 16 sessioni totali. 
Le sessioni Reiki (della durata di circa 50 minuti) sono state gestite da 3 infermieri esperti di Reiki. Un protocollo standardizzato è stato seguito per minimizzare la variabilità tra i praticanti.

I risultati della ricerca

Lo studio ha prodotto risultati incoraggianti che suggeriscono che la terapia RRT e Reiki possono produrre: 1) riduzioni dell’ansia 2) riduzione dei punteggi di depressione.

Per consultare il testo completo di questa ricerca clicca qui.
Lo studio è stato pubblicato anche su PubMed.
Leggi i molti altri Studi sul Reiki.

Sei un operatore sanitario, un ammalato, un caregiver che assiste come familiare/amico una persona ammalata? Trova un supporto per te stesso e/o chi stai assistendo frequentando un Corso Reiki di Primo Livello.

Condividimi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo sito utilizza cookie (anche di terze parti) per garantirti la migliore fruibilità dei contenuti. Per sapere quali Cookie utilizziamo e su come puoi modificare le tue preferenze visita la nostra Privacy Policy