In Portogallo l’Ospedale Sao Joao offre il Reiki per gli effetti della chemio

Si tratta di un protocollo senza precedenti nel paese. Dal 2012, i pazienti emato-oncologici (persone con tumori del sangue come linfomi e leucemie) ricoverati all’Ospedale São João a Porto (Portogallo), ricevono trattamenti Reiki per ridurre gli effetti della chemioterapia. L’infermiera Zilda Alarcão è la mentore e coordinatrice di questo progetto che nasce da un protocollo tra l’ Associazione Portoghese di Reiki e l’ Associazione per il supporto dei pazienti con leucemia e linfoma.

Il Reiki migliora notevolmente la qualità della vita dei pazienti e riduce al minimo gli effetti della chemioterapia“, garantisce l’infermiera in pensione.
Tra il 2007 e il 2009, Zilda Alarcão ha condotto una ricerca sull’impatto dei trattamenti Reiki sulla qualità della vita dei malati di cancro. “Ho chiesto l’autorizzazione al comitato etico nel 2006, seguendo tutta la burocrazia e le procedure ufficiali, e ho ottenuto l’autorizzazione a procedere“, ricorda l’infermiera, che ha utilizzato un documento ufficiale dell’OMS per elaborare i dati raccolti durante l’indagine.
Utilizzavo trattamenti Reiki due volte a settimana con pazienti in un reparto di isolamento che stavano subendo una chemioterapia più aggressiva con prognosi più riservate”, sottolinea Zilda Alarcão.
Zilda ha ottenuto l’autorizzazione dal consiglio di amministrazione dell’Ospedale São João per iniziare i trattamenti nel settembre 2012, dopo che le conclusioni del suo studio scientifico, condotto con l’aiuto di Jaime Fonseca , esperto in ricerca quantitativa, hanno dimostrato “l’efficienza, efficacia e sicurezza del Reiki nella qualità della vita dei pazienti oggetto di studio, negli aspetti fisici, sociali e ambientali”.
Dall’inizio di questo progetto, 78 pazienti sono stati sottoposti a trattamenti Reiki, su un totale di 764 terapie eseguite: nove persone sono morte e 14 sono state dimesse. All’Hospital de São João, durante il ricovero, è stabilito che i pazienti emato-oncologici si sottopongano, se lo desiderano, al Reiki una volta alla settimana. Ogni sessione dura un’ora.
La frequenza delle terapie può aumentare se “quel particolare paziente è più grave e c’è bisogno di più sedute ma anche se c’è disponibilità da parte dell’operatore, visto che siamo tutti volontari”, spiega Zilda Alarcão.
I pazienti in day hospital e ambulatoriali possono continuare a recarsi in ospedale per i trattamenti Reiki una volta alla settimana “se lo desiderano e sono in grado di sostenere le spese di viaggio, dato che il Service Nacional de Saúde non finanzia l’utilizzo di un’ambulanza a un paziente per questo tipo di tecniche”.
Per le persone che soffrono di malattie gravi come linfomi e leucemie il Reiki “riduce o addirittura annulla tutti gli effetti collaterali della chemioterapia, come diarrea, afte, vomito, oltre a migliorare le difese dell’organismo e migliorare la qualità del sonno e del riposo”, afferma Zilda Alarcão.
Oltre a questi benefici più “visibili”, l’infermiera spiega anche che il Reiki ha un effetto psicologico molto forte: “I pazienti accettano di più la propria immagine di sé, soprattutto quando si tratta di caduta dei capelli, e hanno un atteggiamento più positivo verso la gravità della tua situazione. Queste terapie aiutano a ridurre e controllare l’ansia, i sentimenti di rabbia, l’incertezza e la negatività, e portano a una maggiore pace interiore e benessere, e possono anche aiutare a morire con serenità”.
Come oncologo, credo che l’uso di queste terapie non convenzionali non farmacologiche possa essere vantaggioso per alcuni pazienti“, afferma Daniel Romeira , oncologo presso l’Ospedale Lusíadas a Lisboa.
Quando si ha a che fare con prognosi riservate come quelle di un linfoma o una leucemia, bisogna stare molto attenti a come si gestiscono le aspettative – ed è proprio questa cautela che deve essere raddoppiata quando diciamo che il Reiki può aiutare i pazienti con cancro. Romeira ritiene che queste terapie possano “contribuire a ridurre lo stress e la tensione nei pazienti, aumentando la sensazione di benessere e, indirettamente, aiutando il paziente a tollerare meglio i trattamenti“. Ma è fondamentale «gestire le aspettative dei pazienti sugli effetti di questo tipo di terapie, che vanno intese in una prospettiva complementare, con alcuni vantaggi dal punto di vista emotivo per alcuni pazienti — ma non curano il cancro».
I trattamenti Reiki come modo per ridurre al minimo gli effetti della chemioterapia non sono ancora pienamente accettate dall’intera comunità medica, nemmeno all’Hospital de São João, dove questo progetto è in atto da circa sette anni. “È un processo che va avanti lentamente. Non ho mai avuto problemi qui in ospedale, ma è vero che ci sono ancora degli ostacoli all’attuazione di queste tecniche”, spiega Zilda Alarcão. “Non è una resistenza diretta, qualcosa che viene detto, si esprime con atteggiamenti, come per esempio non essere disposti a modificare il programma chemioterapico in modo che possa integrarsi con i trattamenti Reiki. Dal momento che i pazienti che sono a casa hanno l’esenzione ticket del SSN per l’ambulanza solo per sottoporsi a trattamenti chemioterapici, questo cambiamento li aiuterebbe a non sostenere i costi finanziari del ricevere trattamenti Reiki”.
Questo progetto è portato avanti da volontari, tutti professionisti della salute, come infermieri, psicologi, medici di medicina tradizionale cinese e persino assistenti geriatrici. Oltre al fatto che tutti devono avere, necessariamente, un livello minimo di formazione Reiki di secondo livello (ma in realtà sono quasi tutti insegnanti Reiki), devono avere molto amore per quello che fanno. “Ci sono persone che non si adattano al luogo, l’Hospital de São João è un posto complicato. Quando incontro questi volontari, prima di approvarli, devo capire se a loro piace davvero quello che fanno. È molto importante voler aiutare queste persone, questi pazienti”, sottolinea Zilda.

Fonte: www.magg.sapo.pt

Qui di seguito alcuni video sul Reiki nell’Ospedale S. Joao di Porto
Video Ospedale Sao Joao 1 – YouReiki
Video Ospedale Sao Joao 1 continuazione – YouReiki
Video Ospedale Sao Joao 2 – YouReiki
Video Ospedale Sao Joao 3 – YouReiki
Video Ospedale Sao Joao 4 – YouReiki

Consulta gli Studi sul Reiki e l’utilizzo del Reiki negli ospedali in Italia e nel mondo.

Sei un operatore sanitario, un ammalato, un caregiver che assiste come familiare/amico una persona ammalata? Trova un supporto per te stesso e/o chi stai assistendo frequentando un Corso Reiki di Primo Livello.

Condividimi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo sito utilizza cookie (anche di terze parti) per garantirti la migliore fruibilità dei contenuti. Per sapere quali Cookie utilizziamo e su come puoi modificare le tue preferenze visita la nostra Privacy Policy