Il Reiki riduce il dolore nella colonscopia: uno studio

Uno studio evidenzia che il Reiki può supportare la gestione del dolore nei pazienti sottoposti a colonscopia di screening riducendo l’uso dei farmaci.
Nel 2012 Gastroenterology nursing, la rivista ufficiale della Society of Gastroenterology Nurses and Associates, ha pubblicato l’articolo “Reiki as a pain management adjunct in screening colonoscopy” contenente uno studio per determinare se l’uso del Reiki diminuisce la quantità di meperidina (o petidina), analgesico derivante dalla morfina, somministrata ai pazienti sottoposti a colonscopia di screening.

La revisione della letteratura rivela studi limitati per dimostrare se il Reiki è stato in grado di ridurre la quantità di oppioidi che il paziente riceve durante la colonscopia di screening.
Lo studio ha coinvolto 60 pazienti, di età compresa tra 50 e 60 anni, con un’età media di circa 54 anni, di cui circa la metà maschi. Trenta di questi pazienti sono serviti come gruppo di controllo tramite una revisione retrospettiva. Questi 30 pazienti sono stati sottoposti a colonscopia di screening prima del periodo di studio, ricevendo una sedazione cosciente per via endovenosa senza Reiki. I ricercatori hanno esaminato le tabelle di questi 30 pazienti per stabilire le dosi medie alla base di meperidina utilizzate durante la colonscopia di screening senza Reiki. Gli altri 30 pazienti hanno accettato di ricevere reiki per 10 minuti, da un Master Reiki, nello stesso momento in cui un infermiere ha somministrato una sedazione cosciente per via endovenosa, avvenuta poco prima dell’inserimento del colonscopio. Venticinque di questi pazienti hanno ricevuto un trattamento Reiki reale e cinque di questi pazienti hanno ricevuto un Reiki placebo.
La ragione del Reiki placebo era quella di non influenzare l’infermiera e il gastroenterologo che gestivano il paziente nella somministrazione di farmaci.
L’unica misura di esito per questo studio è stata la quantità di meperidina somministrata per alleviare il dolore durante la colonscopia di screening. L‘infermiera che somministrava la sedazione forniva dosi incrementali di farmaci a seconda del livello di dolore del paziente durante tutta la procedura.

Risultati
Nel gruppo del Reiki, il 16%, hanno ricevuto meno di 50 milligrammi di meperidina, tre hanno ricevuto 25 milligrammi e uno ha ricevuto 37,5 milligrammi. Al contrario, nessun paziente nel gruppo di controllo o nel gruppo trattato con placebo ha ricevuto meno di 50 milligrammi di antidolorifico.
Il Reiki può avere il potenziale per ridurre la quantità di farmaci usati per sedare i pazienti“, affermano gli autori dello studio. Anche se questo studio ha mostrato che l’indicazione è piccola, il 16% dei pazienti che necessitano di meno farmaci è un’indicazione che il Reiki può supportare la gestione del dolore nei pazienti sottoposti a colonscopia di screening“.
I ricercatori suggeriscono uno studio più ampio per individuare meglio le differenze nella quantità di farmaci usati e determinare con maggiore precisione l’effetto del Reiki sulla gestione del dolore.

L’articolo è stato pubblicato anche su PubMed.
Consulta gli altri studi sul Reiki.

Sei un operatore sanitario, un ammalato, un caregiver che assiste come familiare/amico una persona ammalata? Trova un supporto per te stesso e/o chi stai assistendo frequentando un Corso Reiki di Primo Livello.

Condividimi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo sito utilizza cookie (anche di terze parti) per garantirti la migliore fruibilità dei contenuti. Per sapere quali Cookie utilizziamo e su come puoi modificare le tue preferenze visita la nostra Privacy Policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come ” %SERVICE_NAME% ” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disattivati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.