Le testimonianze dei reikisti sui benefici ottenuti con il Reiki

Riceviamo ogni giorni i bellissimi racconti dei reikisti rispetto ai cambiamenti e ai benefici che porta il Reiki, che abbiamo deciso di metterne in rete alcuni: non sapremmo infatti parlare meglio del Reiki di quanto fanno i nostri entusiasti allievi!
Riportiamo i soli nomi di battesimo per questioni di privacy. Buona lettura!

Paola P. “Avevo una ciste in una mano che doveva essere incisa ma ho aspettato perché sarebbe rimasta la cicatrice. Dopo il corso di Reiki ho fatto il trattamento su me stessa per qualche giorno tutte le sere per circa un’ora. Pensavo ci volesse qualche mese… invece con grande stupore nel giro di qualche giorno la ciste è tornata indietro!”

Elena D. “Mi sono iscritta al corso di Reiki da perfetta ignorante, non sapevo cosa fosse e non volevo neanche informarmi per non essere condizionata da pregiudizi, preconcetti o da disinformazioni che al giorno d’oggi è troppo facile imbattersi se non si è un minimo preparati. Ho preferito presentarmi come come un vaso vuoto e lasciarmi riempire da persone competenti come vuoi. Il corso è stato bellissimo, emozionante, vibrante (…) Ho avuto l’opportunità di conoscere delle persone tutte molto educate e rispettose dell’intimità delle energie personali. Questo corso mi è arrivato per caso, è come se mi avesse cercata (tra l’altro per un paio d’anni) per farmi ritrovare me stessa. Effettivamente gli ultimi 5 anni sono stati x me un periodo nel quale avevo perso la mia direzione, non l’ho ancora ritrovata, ma il Reiki mi sta aiutando molto a mantenere soprattutto un equilibrio personale e la serenità che avevo perso (…) Avevo perso anche la voglia di mantenere e continuare a coltivare i contatti con le persone, anche quelle più care. Non riuscivo più ad apprezzarle, come invece ho sempre fatto. Quindi sono davvero felice perché il Reiki mi aiuta a mantenere come uno scudo di protezione nei confronti di questa società che ti riempie di negatività e a restare in uno spazio/bolla dove all’interno ci sono io e in cui riesco ad essere felice insieme a tutte le persone che amo e che voglio che restino nella mia vita, senza che le negatività degli altri e della vita stessa possano interferire (praticamente non le assorbo più), anzi, sono tornata ad avere quella serenità di voler farli stare bene e renderli felici occupandomi di loro (…) Faccio l’autotrattamento tutti i giorni, sono i miei 30 minuti dedicati a me dove ritrovo la serenità di affrontare con Grazia qualsiasi situazione senza stress e senza ansia o panico. Ho provato a fare Reiki alle piante e al mio cane, ho avuto modo di sperimentarlo su di me, sulla mia operazione e adesso sulla mia pleurite ed è fantastico quantomeno non ho più gli attacchi di panico”

Angela “Prima di tutto GRAZIE di cuore! Aver l’opportunitá di iniziare con voi questo percorso è stata una splendida esperienza. Non ho trovato proprio nulla da migliorare …oltre al resto, ho avuto la netta impressione, dovuta anche alla vostra disponibilità ad accompagnare e assistere tutti gli allievi dopo il corso, di trovarmi di fronte a persone, che non si limitano a svolgere professionalmente la loro attività, ma intendono offrire e condividere con gli allievi, il dono che ricevono tramite l’utilizzo di questo prezioso strumento. Al momento, mi sto limitando a praticare una o due volte al giorno l’autotrattamento e a cercare di fare mio tutto ciò che ho appreso per prepararmi a dare Reiki, trattando mia mamma, il gatto e altri amici. Quando mi sentirò pronta, a seconda dei casi, vi chiederò consigli e suggerimenti e vi informerò sui risultati”

R.B. “Forse è troppo presto dopo soli 2 giorni dal corso però la realtà è che nessuna meditazione, né yoga né pratica buddista mi aveva fatto sentire così prima. Mi sto facendo autotrattamento, 2 volte al giorno mattina e sera, e poi nell’arco della giornata ogni volta che posso anche solo con una mano. Al momento voglio sperimentarlo su un problema di disidrosi (una dermatite) che mi ha preso la pianta del piede e finora mi ha fatto contorcere dal prurito. Ovviamente la medicina occidentale non ha soluzioni e io mi rifiuto di prendere cortisone; ieri gli ho dedicato una mezz’oretta di Reiki e incredibilmente il prurito è quasi cessato. Continuerò fino a completa risoluzione. L’altra mia bestia nera è l’acne: partendo dal presupposto che alla base c’è un’insicurezza in me stessa che mi fa come “vergognare” di me, confido sul fatto che si risolva anche lo sfogo sul mio viso. Sugli altri invece per ora solo un trattamento veloce al mio compagno che dice di aver sentito una profonda pace e che ha dormito finalmente bene. Con lui la sfida sarà una distorsione alla caviglia che si porta dietro da mesi e che continua a dargli problemi. In generale per quanto mi riguarda, quello che avverto di più è serenità. Sento che è una tecnica che completerà la mia vita sia personale che professionale. Quindi un grazie all’universo per questa fonte inesauribile! Per ora non posso che ringraziarvi nuovamente”

Diana “L’esperienza del corso è stata davvero speciale. Sono felice di aver trovato un “tassello” importantissimo per la mia Vita. Sono per natura “portata” alla cura degli altri… l’ho sempre fatto con i mezzi che avevo. In questo momento avevo bisogno di uno strumento in più da utilizzare…in primis per la mia vita e la mia salute. Questo è ciò che ho “portato a casa” dal corso…questa maggior consapevolezza di uno strumento così potente come l’energia universale. E’ chiaro che questo è solo l’inizio, ora tocca a me….Ho iniziato a sperimentare da subito…su di me, sui miei pelosetti, mio marito, i farmaci, l’acqua che utilizzo. Io ho già messo in agenda la ripartecipazione a giugno……e sto già curiosando per il corso di secondo livello…”

Anna: “Ho partecipato al corso di 1° livello Reiki a fine gennaio, sono molto felice di aver intrapreso questo percorso, faccio quotidianamente autotrattamento, ho acquistato il lettino per donare trattamenti a parenti ed amici ed ho già sperimentato su di loro. Su di me posso dire che tutta questa energia meravigliosa sta smuovendo parecchie cose, a volte passo anche giornate particolari, stanno emergendo ricordi, disagi e quant’altro, ma penso sia segnale di una grossa pulizia all’interno della mia anima. Fare Reiki mi commuove tantissimo mi porta ad un livello di sensibilità, empatia e compassione veramente alto, ed io ero già di mio una persona molto molto empatica. Le altre persone invece mi hanno detto che si rilassano molto durante il trattamento e sentono molto calore o pizzicore o prurito nella zone dove pongo le mani. Alcuni si addormentano pesantemente. Sto partecipando alle serate di scambio Reiki e vorrei ripartecipare al prossimo corso di primo livello. Il mio obiettivo è il secondo livello, e poi, un passo alla volta, anche gli altri. So che questa è la mia strada”

Barbara: “Dopo il corso di primo livello qualcosa di importante si è smosso. Fin da subito il Reiki è entrato nelle mie abitudini e necessità quotidiane, e pur non trattando molte persone, ho praticato ogni giorno l’autotrattamento. Ho sentito che si smuoveva più energia e mi sono interessata a sperimentare su di me gli effetti della pratica quotidiana. Io ero fumatrice accanita da 30 anni, e a distanza di un mese esatto dal corso, ho smesso di fumare, perchè sentivo che se facevo Reiki il livello di energia aumentava, se accendevo una sigaretta perdevo tutto quanto. Una prova forte, ancora un po’ soffro, ma ho una buona carica e questo è un bel deterrente per non ricominciare. Ho gestito le crisi di astinenza con l’autotrattamento e arrivavo al sopore, quindi..funziona davvero!”

Daniela: leggi la testimonianza “Il pronto soccorso Reiki per gestire le punture degli insetti

Luca: “Il Reiki ormai è una prassi quotidiana, ogni momento disponibile come minimo ci centriamo. Anche nella quotidianità non possiamo più farne a meno, è il mio fantastico toccasana per le mille scottature che mi faccio cucinando, Nadia lo trova un ottimo rimedio per l’ansia e il nervoso.”

Riccardo (dopo operazione chirurgica): “Sono tornato a casa dall’ospedale. E’ andato tutto bene. (…) Il Reiki ha funzionato molto bene per allentare la tensione prima dell’intervento. Oggi ho inviato reiki per mezz’ora sulle due ferite dove ho i punti: il dolore è quasi del tutto scomparso e riesco persino a tossire senza più provare la sensazione di pugnalata che provavo prima. Il risultato è decisamente superiore a quello del Contramal.”

Patrizia: “Le mie prime esperienze come praticante (autotrattamento, trattamenti fatti ad amici che gentilmente si sono prestati) sono senza dubbio positive e gratificanti, ho dovuto pertanto ricredermi (visto il mio scetticismo iniziale).”

I.M.: “…il Reiki, oramai, fa parte della mia vita (di già, lo so…ma in effetti, è talmente facile, discreto e veloce che dovunque, e già parecchie volte con le bimbe, ho avuto modo di provare.).”

Eliana: “Sono rimasta piacevolmente sconvolta dall’uso di Reiki con l’emicrania. La settimana scorsa ho avuto parecchi attacchi di emicrania,anche con nausea e vomito ma senza aura. Ho visto che stando con le due mani nella posizione che mi hai detto per un tempo lungo da un’ora e mezza a due, il mal di testa è sparito anche se era intensissimo!! Addirittura il Reiki mi ha fatto passare il male anche dopo alcune ore dall’assunzione della pastiglia apposta per l’emicrania che non aveva sortito effetti!!!”

Sara: “Felice di confermarti l’efficacia del Reiki in varie situazioni su di me per contrastare ed anche sopprimere dei dolori atroci mestruali, od anche per lenire le fitte alla bocca dello stomaco che precedevano il conato durante una virulenta gastroenterite… Così come su mia madre alle prese con uno dei tanti dolori che il suo mieloma le arreca…”

Rosanna: “Ho trascorso questo ultimo mese pieno di avvenimenti (piacevoli e non) ed il conforto e la serenità del Reiki è stato fondamentale!”

Elena: “(…) le sensazioni sono bellissime. In verità sono piuttosto sconvolta, mi sembra incredibile che una cosa così potente e naturale sia tutta nelle mani! E che, pur essendo alla portata di tutti, sia così poco diffusa. Ti ringrazio per questo regalo, credo che mi stia cambiando la vita e non me ne ero resa conto prima. Insomma, ho iniziato quasi per caso e mi sto innamorando ogni giorno di più di questo miracolo. Sto leggendo libri interessantissimi a riguardo e sento la mia vita prendere un nuovo sentiero che mi incuriosisce e appassiona sempre più.”

Max: “Ho iniziato a praticarlo quotidianamente sui chakra o sul nervo sciatico che spesso mi duole.. in conclusione non prendo più antidolorifici da 3 settimane.. e riesco a tenerlo perfettamente sotto controllo.. Ho inoltre eseguito alcuni trattamenti ad una vicina ed amica che da anni soffre di insonnia riuscendo a farla dormire per 7 ore a notte già dopo il primo trattamento.. ora vorrebbe sposarmi :-))) Altri episodi di trattamenti in stile pronto soccorso li ho donati a mio padre (medico vecchia scuola) dove in una sola sessione di 15 minuti localizzata su un dolore ad un tendine di una mano che lo affliggeva da giorni è stato risolto al momento in via definitiva con suo grande stupore.. e poi a Valentina la mia figlia di 8 anni che praticamente tutte le sere pretende un trattamento sui chakra per addormentarsi.. inventandosi anche piccoli dolori il giorno successivo per riuscire a farsi fare Reiki!!.”

Mauro: “Il Reiki che mi avete donato lo porterò con me per sempre e sara’ un mio compagno di vita che accompagnerà me e chi,a me caro, ne avrà bisogno……sento questa forza dentro di me, questo torrente che scorre dentro di me dal quale potrò dissetarmi ogni volta che ne avrò bisogno…una fonte infinita, essenza di tutto ciò che “è” e “non è”. Non vedo l’ora di ripartecipare ai corsi di primo livello per cogliere tutto ciò che mi può essere sfuggito……un po’ come mettere una cornice a un bel quadro già dipinto.”

Elena: “Non so se ti ricordi chi sono. Ero un po’ dubbiosa su tutti gli effetti “miracolosi” del Reiki che descrivevi. Per carattere lascio sempre aperta una porta a quello che è un po’ fuori dagli schemi perché non amo le persone troppo rigide e inquadrate, tuttavia quello di cui tu parlavi sembrava talmente impossibile, un po’ come credere di nuovo a Babbo Natale. Ti ho voluto scrivere per dirti grazie per il meraviglioso dono che mi hai trasmesso. Sono molto emozionata e stento ancora a credere ai miei occhi ma voglio che tu sappia che da quando sono tornata a casa non ho mai smesso di reikizzare me stessa e gli altri che mi stanno vicini. Finora non ho più avuto la sciatica e mio figlio (che pratica ginnastica artistica a livello agonistico e ha sempre male ai polsi e alle caviglie) sta traendo enormi benefici dai trattamenti che gli pratico ogni giorno. Ho fatto un trattamento anche alla figlia di una mia amica che aveva degli orzaioli in entrambi gli occhi e il giorno dopo non aveva più niente (mi ha dato della strega!). Sono più calma e tranquilla. Ho intenzione di andare avanti e vorrei aiutare più persone possibile a stare meglio.”

Alessandro: “(…) diventare reikisti è come rinascere una seconda volta, è un viaggio che si affronta con la sicurezza di avere un compagno discreto ma sempre presente, è la bellezza di avere sempre qualcosa da regalare agli altri, è un modo per scoprire giorno dopo giorno il vero tesoro che è in noi, insomma posso dire che è stato il regalo più bello ricevuto nella mia vita, dopo la vita stessa, naturalmente.”

Mirco: “Durante i due giorni di corso non ho ben capito cosa mi succedeva. Dal giorno successivo invece sentivo che tanto, tantissimo in me stava cambiando. Il modo di pensare, di rapportarmi agli altri, di comunicare, li sentivo decisamente diversi. Come se il mio corpo fosse invariato ma la mia mente appartenesse quasi ad un’altra persona, sicuramente non al Mirco che era vissuto fino a quel momento. Da allora tante cose sono avvenute, e diverse sono state davvero sorprendenti. Tanti avvenimenti faticherei a raccontarli. Non pensavo potesse succedere tutto ciò. Ma credo di aver capito che si può essere persone migliori, se lo si vuole. E che ci sono diversi modi per esserlo. Che ciò che vediamo con gli occhi e che tocchiamo con mano non sono le uniche manifestazioni della vita. Che la nostra mente è fondamentale, che curare la propria spiritualità è importantissimo.
Voglio essere una persona migliore per vivere meglio e per aiutare più persone possibile. Il Reiki mi sta aiutando a realizzare questi miei obiettivi.

Annamaria: “Il Reiki..che dire.. è sbalorditivo, lo faccio continuamente a me, i miei figli, al lavoro ogni tanto arriva qualcuno che me lo chiede… io sono convinta che senza questa “energia che lavora” non sarei riuscita ad affrontare questo difficile periodo, che ormai dura da un anno, così come lo sto vivendo, ovviamente ho i miei giorni di sconforto, che comunque vanno scemando, ma ho la carica giusta per andare avanti con il sorriso..come sempre!”

Alba: “Volevo ringraziarvi per il fantastico corso Reiki, davvero è stato come entrare in una grande famiglia. Da quando è terminato il corso ho fatto molto Reiki su me stessa, tutti i giorni diciamo, ed altre volte week end interi… Mi aiutato molto. Diciamo che ha aiutato il mio ”spirito” il mio ”essere” coagulato a fluire di nuovo… sensazione nuova e all’inizio poco piacevole, però adesso sto bene.
I momenti dell’attivazione sono stati bellissimi, hanno finalmente accesso l interruttore del mio corpo della mia mente. (…) Stranissima la sensazione dopo aver ricevuto un trattamento la prima volta: dopo anni ho risentito la mia mente collegata nuovamente al mio corpo. Non ero riuscita neppure con varie sedute dalla psicologa per quanto fosse molto brava, mi ha aiutato a superare dei grandi blocchi… Però soffrivo dentro… perché mi sentivo un corpo morto che camminava perché aveva un muscolo che batteva e la teneva in vita… Che gran bella cosa riavere la mia testa la mia mente collegata al resto del mio corpo..sentire nuovamente cosa vuol dire provare dolore o piacere….
Da li ho deciso di iscrivermi al corso. Dovevo capire se era stato solo un momento, ed ho scoperto con grande stupore che non era solo un momento… anzi è andata sempre meglio 😉
Sono molto felice di questo. Con il Reiki sto cercando di entrare sempre di più dentro di me… sto cercando di ascoltarmi. E spero mi aiuti riprendere il mio cammino che si era interrotto….e’ stato come rinascere :-)”

Maria: “Partendo dal presupposto che le esperienze che sto vivendo da medico “reikista” sono tantissime poiché ho deciso di utilizzare sempre più il Reiki su tutti, spesso a loro insaputa, e con ottimi risultati, ecco una piccola esperienza… In questi ultimi giorni mi è capitato di fare Reiki, ad insaputa dei miei collaboratori e del paziente stesso, a due persone con infarto. Le loro condizioni mediche, dal punto di vista della sintomatologia, erano pessime su scala da 1 a 10: 10. Ho procrastinato l’uso della morfina (potente antidolorifico) per alcuni minuti in modo da poter iniziare il Reiki e, con mio grande stupore, il dolore, che subito si è acutizzato, è sceso a grado 4-5 in pochissimi minuti!!! I pazienti per protocollo necessitavano dell’uso di morfina ma quando ho dovuto somministrarla, questo è stato fatto a dosi decisamente ridotte rispetto ai miei casi precedenti (normalmente si somministra 1/2 -1 fiala mentre questa volta è bastata 1/4 di fiala). All’arrivo in ospedale, i due pazienti erano molto più collaborativi, sereni e, a detta loro, con molto meno dolore rispetto alle fasi iniziali. Per quanto mi riguarda, a parte lo stupore nella forte diminuzione dei farmaci somministrati, quello che più mi ha colpito è stata la diversa qualità di vita con il quale questi due pazienti hanno affrontato l’arrivo in pronto soccorso e le successive decisioni che hanno dovuto prendere.
Certo non penso che bastino quei pochi minuti di Reiki a risolvere la loro situazione cardiaca né a “guarire” ma affrontare più serenamente e con meno dolore è un buon punto di partenza!!
Grazie ancora per questo dono!”

Enza: “Quando ho partecipato al corso non pensavo minimamente che sarei cambiata così tanto. Quando mi guardo indietro stento a credere di essere la stessa persona: mi arrabbiavo con facilità, avevo attacchi di ansia… ora mi sento tranquilla, serena anche davanti alle difficoltà come se non riguardassero me, e questo mi dà la lucidità per affrontarle e superarle.”

Anna: (Ndr: riassunto della testimonianza: la versione integrale è disponibile a richiesta) “A me hanno diagnosticato la sclerosi multipla e sono quasi 12 anni che cerco di vivere la mia vita condividendola con questa malattia, cerco di far finta di nulla ma i problemi annessi a questa patologia sono molteplici e delle più svariate nature. Personalmente per me significa non avere più una qualità di vita ottimale, vivo con dolori articolari e muscolari dall’insorgere della stessa, mi affatico con poco e per proseguire il lavoro e la vita familiare devo sempre riposarmi, ho anche la perdita della forza, la mia vita affettiva ora non esiste più, ho problemi alla vescica, ho spesso come delle scariche elettriche che mi percorrono l’encefalo e la cervicale e si irradia lungo il tronco e ad essere sinceri dopo un paio di giorni cosi è da sfinimento, (…), le medicine che prendo tra cui l’interferone beta che faccio tre volte a settimana sono a dir poco deleterie ,queste servono solo per rallentare il formarsi di nuove placche ma nello stesso tempo fanno male al fegato, alla tiroide, alla formazione delle piastrine, possono far venire manie suicide, ecc………..poi ci sono gli antidepressivi, quelli per la fatica, quelle per i dolori,per gli sbalzi di umore, per la vescica nEurologica e ho provato con mio disgusto i derivati della cannabis in puff, cioè spruzzi all’interno della bocca .
Ma con l’andare del tempo i miei problemi si sono fatti più forti e più si facevano sentire e meno i medici mi davano retta e di conseguenza non mi potevano aiutare, allora ho cominciato a guardarmi intorno, vagare su internet per cercare qualcosa qualcuno che mi potesse aiutare, fino a quando una mia collega cosi parlando del più e del meno e che non dovevo prenderla per pazza e che lei aveva fatto un corso di Reiki e stava meglio fisicamente e psicologicamente. D’accordo con lei partecipai al primo livello di Reiki e già dal primo momento, io ho sentito che in quel luogo ci si sentiva calmi sereni e mi sentivo invasa da un qualcosa che ora conosco bene l’energia. Da quando pratico questa disciplina piano piano ho cominciato a ridurre i farmaci, ora li ho lasciati quasi tutti, per il momento faccio solo interferone e un antidolorifico per contrastare le controindicazione di esso.
Se ho qualche dolore il Reiki mi serve per alleviarlo, lo pratico nello specifico sull’interferone e devo dire che fa molto meno male del dovuto e a volte posso evitare di prendere l’antidolorifico, i problemi con la vescica ci sono ma molto meno fastidiosi non ho più l’urgenza minzionale di prima, il lato sinistro, che aveva cominciato ad avere delle parestesie localizzate a delle dita del piede e la gamba, praticando il Reiki non dico che è passata ma la sensazione di addormentamento è diminuita a tal punto che sembra normale.
La grande considerazione è che da quando pratico questa disciplina va molto meglio anche riguardo al lato psicologico che è migliorato, e potendo essere utile anche agli altri mi fa sentire ancora meglio e devo ringraziare per questa nuova e meravigliosa vita che mi avete fatto scoprire e l’immenso universo per l’energia che ci dona. GRAZIE di tutto.”

Eleonora: “Volevo dirti che il corso di I livello che abbiamo fatto ad ottobre mi ha aperto un mondo di benessere. Per la prima volta nella mia vita di malata cronica da bronchite, pur avendola avuta, non sono dovuta ricorrere agli antibiotici o all’atroce penicillina!! Mi sono reikizzata praticamente tutto il giorno per tre giorni!! per non parlare dell’aiuto alla mia famiglia e agli amici che credono come me alle infinite possibilità che l’universo ci offre…”

Elena: “Da quando ho ricevuto l’attivazione…ho usato il Reiki praticamente tutti i  giorni…su di me, su gli altri, sugli animali, sui bambini miei allievi… meraviglioso!!!!!”

Daniela: “La mia vita di reikista appena iniziata è colma di soddisfazioni. Una settimana fa ero al mare e una donna, conosciuta la sera prima a cena con amici, si è infortunata il piede sulla spiaggia. Mentre un capannello di persone, tra cui altri medici, decideva il da farsi, io ho preso il piede tra le mie mani e l’ho trattato. Il dolore, molto intenso, inizialmente è diminuito, poi si è riacutizzato, si è spostato da un dito all’altro e poi si è attenuato definitivamente. Dopo mezz’ora il piede aveva tutto un altro aspetto e riusciva a muoverlo meglio. (…) mi ha appena mandato un sms dicendomi che si è segnata sull’agenda il prossimo corso che farai a Milano!
Qualche giorno fa ho tenuto in braccio un neonato di 8 giorni e l’ho sentito letteralmente “sciogliersi” nelle mie mani. Si è preso tutto il Reiki che ha voluto, se l’è sistemato qua e là con movimenti ed espressioni fantastiche, poi, con mugolii e sorrisi, si è abbandonato al pieno godimento! E’ stato straordinario, ero incantata. Ho iniziato a trattare la cicatrice sulla fronte di mio figlio Matteo di 4 anni. Non ho ancora notato miglioramenti ma ogni sera si addormenta dopo due minuti di trattamento (di solito si rigirava nel letto a lungo prima di dormire ), mi sembra quasi di narcotizzarlo. Ieri sera, invece, non si è addormentato subito e, dopo qualche minuto mi ha detto: “Mamma, ho male alle gambe in fondo”, gli ho messo le mani sui piedi ed è bastato un minuto perché si addormentasse. I bimbi sono straordinari!
Ieri ho iniziato a trattare una mia amica che da due anni ha metastasi diffuse in tutto il corpo compresi ossa ed encefalo. Le ho fatto un trattamento completo usando il tuo CD. Alla fine del trattamento ero piena di gioia e gratitudine perché con un semplice atto, le mani appoggiate sul suo corpo, le avevo dato beneficio. Il Reiki è un’ottima pratica della compassione,ti senti un tutt’uno con l’altro, ne percepisci tutta la sofferenza, ma non ti carichi del suo dolore, anzi, ne trai una forza incredibile e puoi essergli utile anche sotto altri aspetti.
Sono veramente felice di questa grande opportunità che ho avuto.”

Enrica: “Dopo poco più di un mese di Reiki voglio esprimerti nuovamente la gratitudine di Irene e mia. Lei ha sintetizzato l’efficacia del Reiki dicendo che le ha migliorato l’umore, oltre a praticarlo nei casi di mal di stomaco, dolori muscolari… Io, invece, lo trovo molto efficace per rilassarmi e trattare quotidianamente (o quasi) i problemi di cervicale e i mal di schiena di mio padre. Più pratico e più affino la mia sensibilità, comprendendo dove va il Reiki! Quindi la mia esperienza è più che positiva e, come avrai constatato, ho diffuso il mio entusiasmo per questa efficace tecnica coinvolgendo le persone che mi stanno intorno”

Daniela: “Ieri sera (dopo il corso, ndr) mi sono precipitata a casa perché avevo una gran voglia di trattarmi. Ho fatto il trattamento completo ed ho sentito chiaramente il Reiki. Arrivata sopra il cuore ho provato una sensazione di gioia, gratitudine e commozione molto simile a quella avuta durante l’attivazione ma forse più intensa. E’ stato come ritrovare un caro amico dopo tanto tempo. Poi ho dormito molto profondamente, in maniera insolita, e appena sveglia ho percepito un lieve dolore alle spalle e alla testa. Mi sono trattata ed ho avuto una sensazione immediata di benessere fisico accompagnato dalla stessa sensazione dolcissima di gioia e gratitudine. Ho abbracciato mio marito e i miei bambini con una bellissima sensazione di pienezza e appagamento.”

Annamaria: “Io ho partecipato al mio primo corso di Reiki 2 mesi fa… Sto cominciando a vedere i primi effetti del Reiki….la cosa che però più mi affascina è che il Reiki è un compagno di vita che starà sempre al mio fianco (lo hai detto tu durante il corso)…..però finché non lo vivi non ti rendi conto della grande forza interiore che ti da………..io ne avevo davvero un gran bisogno.”

Francesca: “Ho aspettato qualche giorno a scriverti, volevo assorbire l’esperienza Reiki prima di darti il mio feedback. Mi hai aperto una porta su un cammino luminoso, questo è il mio feedback. 🙂
Un cammino che voglio assolutamente continuare, approfondire e che un giorno spero di poter far diventare anche una professione, è come se il Reiki lo avessi avuto sempre dentro…non so come meglio spiegarti.
Da quando abbiamo finito il corso ho trattato tutti i giorni qualcuno, oltre che me stessa, l’insonnia se ne è andata quasi subito e l’ho anche provato sui pizzichi di zanzara che immediatamente non prudono più!!
Sto inoltre trattando una mia amica che vuole farmi da cavia e che ha perso la sorella pochi mesi fa, mi ha detto che dopo il 2° trattamento completo l’ha finalmente sognata e già dal primo trattamento è riuscita a dormire riposando veramente….WOW! E sono solo all’inizio!!”

Camilla: “Ho preso il primo livello 2 mesi fa. Sono molto contenta, da subito la sensazione che l’attivazione mi ha dato è stata grande gioia, di sentire la mia scintillina unirsi a qualcosa di infinito e bellissimo e da quel giorno il Reiki mi accompagna facendomi sentire unita al tutto.”

Davide: “Tutto bene? Io sicuramente si da quando mi porto il Reiki sempre nel “taschino”. è una sensazione stupenda, veramente! Finalmente posso “toccare” quell’energia che volevo sentire da così tanto tempo ma non sapevo assolutamente come fare! Grazie grazie grazie! ora oltre che a me, tutte le persone che conosco e che almeno vogliono provare questa esperienza le “reikizzo”! Sto facendo trattamenti a tutto spiano! Sono troppo contento!”

Violetta: “E’ da tempo che volevo scriverti per un saluto e mi ritrovo a farlo solo oggi, a qualche giorno dalla perdita della mia mamma. Ti ringrazio perché grazie a te, ai tuoi insegnamenti ed al Reiki, ho potuto accompagnarla lungo il difficile cammino della sua malattia. Infatti, il Reiki è stato per me e per lei uno strumento importantissimo con cui sono riuscita a regalarle dei momenti di serenità e ad accompagnarla anche negli ultimi istanti di vita. Ancora grazie di cuore.”

Daniela: “Vorrei ringraziarti infinitamente per tutto ciò che mi hai trasmesso durante le ore passate insieme. Sono molto serena, pratico il Reiki ogni volta che posso e devo ammettere che ha avuto un effetto benefico e riequilibrante anche sulle persone che mi stanno vicino: i miei figli e i miei studenti a scuola. In modo particolare i bambini si sono meravigliati del calore che rilassa e, prima di andare a dormire, mi chiedono un trattamento: non faccio in tempo a completarlo che già dormono profondamente…”

Gianluca: “Eccomi qui a raccontarti cosa è il Reiki per me dopo il corso di primo livello, o almeno ci provo. Se dovessi dare un titolo sarebbe: “Il Reiki mi ha cambiato la vita.”
Credo che sia arrivato al momento giusto ed era proprio quello che stavo cercando da tempo ma non trovavo da nessuna parte. Conoscere Reiki ha unificato, finalmente, molti aspetti della mia vita che erano distinti prima: la mia formazione da fisico, la mia passione per le arti marziali (prima conoscevo solo il KI) e la mia visione della vita molto orientale e molto poco occidentale.
Volendo scendere nel concreto cercherò di farti alcuni esempi di cosa è cambiato nell’ultimo mese:
– dal punto di vista “fisico” ho potuto sperimentare l’efficacia negli interventi di pronto soccorso soprattutto nelle lezioni in palestra in cui sono solito farmi male; grazie al Reiki il dolore per i colpi ricevuti scompare istantaneamente. ho anche avuto una brutta contusione al piede destro che non ho potuto trattare all’istante ma il giorno dopo, con il Reiki, il dolore è scomparso e non zoppicavo più, inoltre è guarita molto in fretta e non ho dovuto neanche saltare una lezione come succedeva prima.
– dal punto di vista psichico è quasi incredibile cosa mi sia successo: finalmente ho trovato un equilibrio negli aspetti del mio carattere che erano più difficili e che non ero mai riuscito a mettere a posto solo con la volontà.
Ad esempio la mia impulsività adesso è sotto controllo: grazie al Reiki ora ho una diversa percezione di me e di ciò che mi sta intorno e se sto per dire o fare una delle mie solite stupidaggini mi capita di vedere la situazione e quindi di frenarmi. Anche di fronte alle situazioni critiche (ne sto vivendo da tempo una in famiglia) riesco grazie al Reiki a rimanere tranquillo e a non farmi sopraffare dai sentimenti negativi (angoscia, rabbia, sfiducia) e questo mi porta ad aiutare meglio le persone a me care. (…)
E’ bello sentire le persone che mi sono più vicine dirmi che non mi riconoscono più e che sembro un monaco zen. 🙂
Non voglio annoiarti .. quindi mi fermo qui, magari ne parliamo a voce se capiterà l’occasione comunque l’ultima cosa è che è davvero bellissimo dire ti voglio bene con un trattamento Reiki alle persone che ami.”

Chiara: “Il buon umore continua grazie al Reiki. Faccio Reiki mattina e sera. Ho già alleviato i miei dolori mestruali senza dover prendere l’analgesico di rito.”

Simona: “Volevo ringraziare per la bellissima esperienza di questo fine settimana.
Ti dico solo che, avendo per motivi di mole (non sono mai stata una silfide..eh eh eh…) e di lavoro (maestra d’asilo nido…prendi in braccio uno, poi l’altro, poi l’altro……), la schiena rovinata e le gambe a pezzi, ne soffro tanto da dormire male anzi, da poter dormire soltanto supina, con la schiena completamente in linea..
Beh…stanotte mi sono svegliata spesso e l’unica cosa che riuscivo a fare era sorridere e pensare felice che non avevo nessun dolore, ho provato tutte le posizioni immaginabili, pancia in giù, in su, di lato, di sbieco…volevo fare il ponte all’indietro tanto stavo bene! ^_^ Ho trovato davvero un tesoro e, anche se sono alle primissime armi, so che ne riceverò tanto…e ne sono molto contenta!”

Corrado: “All’inizio mantenevo la centratura per alcuni minuti perché il dubbio di essermi auto-suggestionato c’era, e quando facevo un trattamento a qualcuno chiedevo in continuazione: “Senti qualcosa?” “Arriva?” Hehehe… Ora non ha più senso tutto ciò, al primo segnale so che [l’energia] è arrivata e quando poso le mani sulla “vittima” so che sta andando, e anche se non l’altra persona non sente nulla non dico a me stesso “qualcosa non sta funzionando” perché la sento scorrere, passare all’altra persona. La sento lavorare, smuovere piccole tensioni nella zona che sto trattando. A volte è timida e discreta come la neve che si scioglie al sole, altre volte inesorabile e copiosa come un fiume di lava che fonde le pietre che trova lungo il suo cammino.
Che posso dire? Un’esperienza Meravigliosa!”

Viviana: “Ne approfitto per farti sapere che il Reiki è la cosa più straordinaria che abbia mai provato sulla mia pelle! E’ diventato quasi un rito, qualsiasi cosa accada riesco a trovare un momento della giornata per farlo. Mi sta aiutando tantissimo per mantenere la lucidità mentale (sopratutto a lavoro), e in generale mi da una serenità mai provata prima. Mi sorprendo ogni volta in cui verifico come si possa stare meglio:non prendo più medicine per i dolori mestruali (ed io soffrivo tantissimo), non ho più la cervicale, il dolore alla spalla si è ridotto e sento che presto andrà via. Nel polso avevo da anni una specie di ciste che si è riassorbita completamente. Sono piccole cose che però hanno migliorato tanto la qualità della mia vita, e chissà quanti cambiamenti che ignoro sono in atto… e’ un dono meraviglioso!”

Chiara: “Ogni giorno il Reiki mi aiuta a controllare in modo sano ed equilibrato le mie emozioni, regalandomi quel benessere utile a generare quello spirito di fiducia e positività che inseguivo vanamente prima di questo dono ricevuto.”

Federica: “Ti scrivo a quasi un mese dal corso per raccontarti un po’ come ci troviamo qui con il Reiki… Devo dire, a costo di essere trita e ri-trita che è veramente una svolta. Lo trovo oramai indispensabile per tutti gli acciacchi della vita quotidiana! …e non solo…anche per i momenti difficili. Per quando non sai dove andare a sbattere la testa, o per quando senti che stai per esplodere e hai bisogno di calmarti un po’! Sono riuscita, a parte gli ovvi mal di testa, a farmi passare anche un attacco d’asma. E il mal di pancia ai bimbi con cui lavoro… L’unico che in famiglia ha apprezzato questo “nuovo acquisto” è stato il mio cane, il quale è di solito il primo ad arrivare quando vede che inizio l’autotrattamento!!!”

Chiara: “Ho scoperto una grande energia, e più importante di ogni altra cosa…come convogliarla dove serve, dove è più utile. verso me stessa e verso le persone che amo.
Non mi resta che praticare, scoprire i molteplici utilizzi, acquisire esperienza e raccogliere la testimonianza di coloro che beneficeranno con me di questa pratica.
In primis mia mamma, alla quale sono riuscita a regalare un momento di refrigerio nella sua malattia altamente invalidante. Ho abbassato di molto le pulsazioni cardiache, attutito un grande dolore agli occhi e alla tiroide, sono quasi scomparse le vertigini con una sola “applicazione”, un solo trattamento completo.
E’ la prima volta nella mia vita che ho sentito di poter fare qualcosa di utile per restituirle tutto l’amore e la cura che ha avuto per me. Ora potrò esercitare questa mia conoscenza per alleviare la sua sofferenza. Mi hai regalato la gioia di poter essere generosa. Grazie!”

Francesco: “E’ vero: il Reiki cambia la vita delle persone. Ero scettico ma sono rimasto sbalordito. Leggi, studi, mediti… E poi scopri che è tutto molto più semplice, gioioso ed efficace di quanto potessi immaginare. È incredibile che il “fare” possa diventare cosi pieno di spiritualità, in modo semplice, quasi banale, eppure cosi’ potente.”

Diana: “Ciao Marco, sono felicissima!! Anche se è poco che conosco il Reiki mi ha letteralmente conquistato!!! Ti ricordi il mio amico messo proprio male?? Già dopo due trattamenti ha iniziato a sentirsi più sereno, più tranquillo, ha ritrovato un po’ la voglia di uscire e anche i mal di testa di cui soffriva ultimamente sono diminuiti! L’ho anche provato su mia sorella che è sempre nervosissima e anche lei è rimasta stupita dalla serenità che il Reiki le ha regalato!! A me invece …sta dando dipendenza! Non vedo l’ora di svegliarmi al mattino per fare Reiki e alla sera non vedo l’ora di tornare a casa per regalarmi una mezz’ora tutta per me!!! Mi fa sentire bene, serena, tranquilla e anche più fiduciosa verso la vita!!! Prima, da quando suonava la sveglia al mattino, a quando iniziavo a connettere, passavano circa tre quarti d’ora, ora invece mi sveglio e…sono sveglia!! Mi sembra un miracolo!!! E sono anche diventata più paziente con i miei clienti in negozio, anche quelli più noiosi, più arroganti mi paiono quasi simpatici!!! :-)) Sinceramente non riesco a capire come possa fare tutto questo e poi in così poco tempo…ma sono sempre più convinta che se tutti si avvicinassero al Reiki vivremmo in un mondo migliore!!! Lo metterei come materia obbligatoria a scuola!!!”

Condividimi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo sito utilizza cookie (anche di terze parti) per garantirti la migliore fruibilità dei contenuti. Per sapere quali Cookie utilizziamo e su come puoi modificare le tue preferenze visita la nostra Privacy Policy