Trattamenti Reiki a domicilio realizzati dai caregiver familiari: uno studio

Nel 2021 la rivista Holistic nursing practice ha pubblicato lo studio Home-Based Reiki by Informal Caregivers. A Mixed-Methods Pilot Study. La ricerca esplora gli effetti dei trattamenti Reiki realizzati in ambiente domestico dai caregiver familiari ai loro cari malati di cancro nel ridurre i sintomi del cancro e migliorare la qualità della salute.

Metodologia

È stato applicato un disegno di studio sequenziale con metodi misti (prima fase quantitativa e seconda fase qualitativa) utilizzando questionari pre/post trattamenti Reiki e interviste post-Reiki.
I potenziali pazienti sono stati identificati e contattati da un infermiere presso l’ambulatorio e le strutture di supporto oncologico.
Sei diadi paziente-caregiver di una clinica ambulatoriale e strutture di supporto per il cancro nel nord-est dell’America hanno eseguito un trattamento Reiki quotidiano (di 1 ora, anche suddivisa) a casa per 3 settimane.
Ai caregiver è stata fatta una formazione Reiki in 2 sessioni da 4 ore ciascuna. La prima sessione si è concentrata sull’autotrattamento seguito da una settimana di pratica a casa. La seconda sessione di allenamento includeva uno spazio per fare domande, fornire feedback e praticare Reiki sugli altri. Lo scopo era quello di promuovere l’abilità, la fiducia e la sicurezza necessarie al caregiver per poter poi realizzare trattamenti a casa alla persona malata.
Alla fine delle 3 settimane, sono state condotte interviste faccia a faccia presso le case dei pazienti e dei caregiver per raccogliere i loro feedback. Ogni intervista è durata dai 30 ai 60 minuti.
Sono state valutate le differenze in relazione ai sintomi, al benessere mentale, alla qualità della vita e della salute nonché misurata la soddisfazione di ricevere trattamenti Reiki a casa.

Risultati

I benefici per i caregiver (fisici, psicologici, spirituali e sociali) sono stati legati al realizzare trattamenti Reiki.
I benefici psicologici sono stati descritti più frequentemente (35,7%). I benefici spirituali del Reiki (28,6%) sono descritti come “un buon strumento per guarire me stesso” e aumentare i livelli di pace, amore e speranza. Il supporto sociale era
percepito come un vantaggio (21,4%). Una donna di 65 anni ha apprezzato il fatto che potesse aiutare il suo caro in un
situazione disperata: “È malato e non posso fare nulla per lui. Sono sola qui girandomi i pollici. Il Reiki mi ha dato la possibilità di fare qualcosa di speciale per lui. Mi sentivo come se stessi realizzando qualcosa.” Infine, i benefici fisici sono stati descritti da una donna di 64 anni che usava il Reiki su se stessa per gestire un mal di testa debilitante dovuto alla convivenza con il cancro del marito.
I benefici che emergono con notevoli effetti statistici riguardano il miglioramento nell’affaticamento, nella memoria, nell’umore (ansia, depressione e paura), nella nausea.
Tutti i partecipanti hanno riportato soddisfazione e l’83,3% di loro consiglierebbe l’auto-trattamento Reiki a casa.
I dati qualitativi hanno rivelato 2 categorie principali, benefici percepiti e barriere. I benefici complessivi del Reiki superano le barriere in relazione all’impegno nel tempo e alle distrazioni del luogo.
Il protocollo Reiki a domicilio ha avuto potenziali benefici, è fattibile e positivamente accettato sia dai pazienti residenti in comunità che dai loro caregiver familiari.
I ricercatori hanno appreso un’interessante lezione durante l’identificazione del campione e il reclutamento includeva l’accesso ai pazienti. Molti potenziali pazienti soddisfacevano i criteri di idoneità, ma il loro la partecipazione è stata negata dalle strutture in cui erano in cura a causa dell’angoscia/fragilità dei pazienti e dei loro familiari. Per questo occorre instaurare un rapporto di fiducia con i medici spiegando bene loro che cos’è il Reiki e come agisce (soprattutto in quelle strutture dove non sono utilizzate le tecniche energetiche)

Lo studio è stato pubblicato anche su PubMed.
Leggi il testo completo dello studio.

Consulta gli altri studi sul Reiki e l’utilizzo del Reiki negli ospedali in Italia e nel mondo.

Vuoi apprendere il Reiki e sperimentare i benefici per te e i suoi cari?
Frequenta un Corso di Reiki e inizia ad utilizzare in autonomia questa tecnica semplice e versatile.

Non puoi frequentare un Corso Reiki?
Ricevi trattamenti da un operatore! È possibile, infatti, ottenere comunque i benefici di cui hai bisogno affidandosi ai trattamenti Reiki in presenza oppure a distanza.

Condividimi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo sito utilizza cookie (anche di terze parti) per garantirti la migliore fruibilità dei contenuti. Per sapere quali Cookie utilizziamo e su come puoi modificare le tue preferenze visita la nostra Privacy Policy