Gli effetti del Reiki sui parametri biologici dello stress: uno studio

Nel 2001 la rivista Journal of advanced nursing ha pubblicato l’articolo “Biological correlates of Reiki Touch(sm) healing“. Lo scopo di questo studio era quello di testare gli effetti del Reiki relativamente ai livelli di rilassamento e stress. La ricerca è stata realizzata da Wardell DW e Engebretson J. (School of Nursing, University of Texas USA).

Lo studio è stato condotto nel 1996 e ha coinvolto l’esame degli effetti fisiologici e biochimici dovuti a 30 minuti di trattamento Reiki su un campione di 23 soggetti sostanzialmente sani.
I parametri biologici relativi alla risposta allo stress che sono stati misurati sono i seguenti: stato di ansia, IgA e cortisolo salivare, pressione arteriosa, risposta galvanica della pelle (GSR), tensione muscolare e temperatura della pelle.
I dati sono stati raccolti prima, durante e subito dopo la seduta di Reiki.
Confrontando le misurazioni pre/post, l’ansia è stata significativamente ridotta, i livelli di IgA salivari (immunoglobuline) sono aumentati in modo significativo, c’è stato un calo significativo della pressione arteriosa sistolica, la modifica del cortisolo salivare non è risultata invece statisticamente significativa.

I risultati suggeriscono cambiamenti biochimici e fisiologici nella direzione del rilassamento (concettualizzato come il contrario dello stress). Gli autori hanno anche riconosciuto alcune lacune nello studio, come la mancanza di un gruppo di controllo, e l’aver utilizzato una sola sessione di Reiki. Tuttavia, il numero di partecipanti era superiore ai 14 che è stato giudicato il limite critico per il raggiungimento di qualsiasi risultato significativo.

Per consultare l’intero articolo clicca qui.
Lo studio è stato pubblicato anche su PubMed.
Consulta gli altri studi sul Reiki.

Sei un paziente, un caregiver o un operatore sanitario?
Frequenta un Corso di Reiki per migliorare la salute ed il benessere per te e per le persone a te vicine!

Condividimi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo sito utilizza cookie (anche di terze parti) per garantirti la migliore fruibilità dei contenuti. Per sapere quali Cookie utilizziamo e su come puoi modificare le tue preferenze visita la nostra Privacy Policy