Corsi Reiki per i caregiver dei pazienti in hospice: uno studio

Nel 2020 Jenna K. Haberman ha discusso la Tesi di Dottorato in Nursing Practice “Reiki Training for the Informal Caregivers of Adult Hospice Patients” presso la Augsburg University Minneapolis (USA). La ricerca ha dimostrato i benefici della formazione Reiki dei caregivers nell’assistenza a pazienti adulti ricoverati nel reparto di cure palliative.

Il caregiving può avere un impatto profondo su coloro che forniscono assistenza di fine vita ai familiari, ai propri cari, ai propri pazienti. Le difficili circostanze presenti alla fine della vita possono essere davvero dannose, sia per i pazienti dell’hospice che per i loro caregiver, senza un supporto e risorse adeguati. È necessario un approccio olistico per soddisfare i bisogni fisici, psicosociali, emotivi e spirituali di queste persone.

L’insegnamento della tecnica Reiki ai caregivers può rappresentare una chiave di svolta nel delicato processo del prendersi cura di sè e dell’altro. Ne abbiamo già parlato: leggi qui.

Si tratta di un intervento sicuro ed economico che può essere utilizzato per gestire l’angoscia e le sfide fisico-emotive che pazienti e operatori sanitari devono affrontare durante la fine della vita.
La formazione Reiki può anche essere utilizzata per migliorare il ruolo stesso del caregiver.

Il primo passo del progetto accademico realizzato da Jenna K. Haberman includeva una valutazione della pratica del Reiki, degli ostacoli percepiti e della fattibilità di un programma di formazione Reiki attraverso l’esperienza di operatori sanitari professionali e operatori Reiki professionali.
Sono stati convalidati i risultati della letteratura sulla pratica del Reiki e stabilita una connessione con l’assistenza in hospice.

Nei risultati emersi, sia i caregiver professionali dell’hospice che gli operatori Reiki hanno trovato la formazione Reiki un intervento efficace e fattibile per i caregiver informali da fornire alla fine della vita.
Tuttavia, i caregiver professionisti dell’hospice hanno identificato i costi e la mancanza di comprensione del Reiki come potenziali ostacoli all’implementazione di un programma di formazione Reiki nell’ambiente dell’assistenza ospedaliera.
Mentre le risorse sanitarie continuano a diminuire, l’identificazione di modi nuovi e unici per migliorare gli approcci alla pratica diventerà il segno distintivo della pratica infermieristica avanzata. Attraverso la fornitura di cure e interventi olistici, l’infermiere può aiutare a migliorare i risultati per i pazienti hospice e i loro caregiver informali durante tutto il processo di morte.

Fonte: link

Approfondisci gli altri numerosi studi sul Reiki e l’utilizzo del Reiki negli ospedali.

Sei un paziente o un caregiver familiare e vuoi migliorare la qualità della tua vita e di quella dei tuoi cari?
Sei un professionista sanitario e vuoi arricchire i tuoi strumenti di lavoro con i pazienti?

Iscriviti ad un Corso Reiki di primo livello per apprendere questa meravigliosa tecnica complementare e renderti autonomo nell’applicarla a te stesso e agli altri!

Condividimi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo sito utilizza cookie (anche di terze parti) per garantirti la migliore fruibilità dei contenuti. Per sapere quali Cookie utilizziamo e su come puoi modificare le tue preferenze visita la nostra Privacy Policy