L’effetto del Reiki su dolore e ansia in donne con isterectomia: uno studio

 

Uno studio dimostra l’effetto positivo dei trattamenti Reiki sul dolore e l’ansia delle donne che hanno subito un’isterectomia.
Nel 2006 la rivista Holistic nursing practice ha pubblicato lo studio “The effect of Reiki on pain and anxiety in women with abdominal hysterectomies: a quasi-experimental pilot study” avente lo scopo di confrontare l’impatto del Reiki sui livelli del dolore e dell’ansia di stato in 2 gruppi di donne dopo l’isterectomia addominale.

Metodologia
È stato utilizzato un disegno quasi sperimentale nel quale le
partecipanti (donne con isterectomia pianificata e addominale) sono state assegnate a caso al gruppo sperimentale (n°10) o di controllo (n°12). Le donne che avevano una diagnosi di carcinoma sono state escluse a causa dello stato di ansia atteso. Tutte le informazioni contenute nello studio sono state deidentificate da un codice per proteggere la riservatezza della paziente. Il gruppo di controllo ha ricevuto assistenza infermieristica tradizionale per tutta la durata del soggiorno. Il gruppo sperimentale ha ricevuto l’assistenza infermieristica tradizionale più 3 trattamenti Reiki a intervalli temporizzati (nella sala operatoria dello stesso giorno assegnata dal paziente, 24 ore dopo l’intervento e 48 ore postoperatoriamente per 30 minuti nella stanza del paziente).  L’obiettivo era di riportare l’energia del corpo in uno stato di equilibrio, aumentando così la sua naturale capacità di autoguarigione.
I trattamenti Reiki sono stati realizzati da infermiere con il terzo livello Reiki. Le posizioni delle mani erano standardizzate e supervisionate da un infermiere Master Reiki.

Raccolta dati
Il primo strumento utilizzato è stato il questionario sull’ansia di stato (STAI). Lo STAI è progettato per differenziare tra la condizione temporanea dell’ansia di stato e la qualità più generale e di lunga durata negli adulti. La scala valuta i sentimenti di apprensione, tensione, nervosismo, che aumentano in risposta al pericolo fisico e allo stress psicologico al momento dello stress.

Risultati
I trattamenti Reiki sembravano influenzare il dolore postoperatorio per almeno 24 ore, ma l’effetto a 48 e 72 ore era discutibile. Il Reiki sembrava non avere alcun effetto sull’uso di Toradol immediatamente dopo l’intervento chirurgico. Tuttavia, il gruppo di controllo ha continuato a utilizzare Toradol per un periodo di tempo più lungo. Il gruppo Reiki ha gestito meglio il dolore e non richiedeva alcun medicinale per il dolore episodico nel periodo postoperatorio. Infine, emerge la differenza nell’ansia di stato nel gruppo Reiki. Un risultato secondario era che la durata dell’intervento era più lunga per il gruppo di controllo anche se tutti i pazienti ricevevano lo stesso protocollo di anestesia. Le conversazioni con le pazienti hanno rivelato verbalizzazioni di effetti di rilassamento più pronunciati per le sessioni preoperatorie di Reiki (diverse partecipanti hanno riferito di essersi addormentate dopo la sessione di Reiki preoperatoria, confermata dalle infermiere della sala operatoria e dal chirurgo).

Conclusioni
La quantità di prove empiriche disponibili sull’effetto dell’uso del Reiki è limitata, ma in crescita. Questo studio ha dimostrato gli effetti favorevoli del Reiki in un numero limitato di donne (n°22) che hanno avuto l’isterectomia tramite l’approccio tradizionale addominale. Gli autori suggeriscono che questo studio possa essere replicato con una popolazione più ampia e con l’aggiunta di un fattore qualitativo fenomenologico per le percezioni dei partecipanti del Reiki per il dolore e la gestione dell’ansia.

Per consultare il testo completo dell’articolo, clicca qui.

Lo studio è stato pubblicato anche su PubMed.
Consulta gli altri studi sul Reiki.

Sei un paziente, un caregiver o un operatore sanitario?
Frequenta un Corso di Reiki per migliorare la salute ed il benessere per te e per le persone a te vicine!

Condividimi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo sito utilizza cookie (anche di terze parti) per garantirti la migliore fruibilità dei contenuti. Per sapere quali Cookie utilizziamo e su come puoi modificare le tue preferenze visita la nostra Privacy Policy